ITINERARIO PER LA MOSTRA

di
Luigi Ficacci

Era stata dunque Federica Di Castro a proporre nel programma delle mostre della Calcografia, questa delle 'carte' di Mambor.

E' un dato sufficiente per permetterci oggi di ricostruire e comprendere le ragioni della sua scelta: nell'opera di Mambor, Federica doveva avere individuato una molteplice valenza di attinenze con le problematiche storico artistiche che costituiscono l'identità museale della Calcografia.

Non c'è dubbio che queste attinenze possano riconoscersi in aspetti come l'uso del disegno sotto specie di progetto analitico per l'espressione del concetto (per riferirsi ad alcune delle opere qui esposte, Scarpa 1960, Semaforo 1960, Studio sul tramonto del sole 1967, ...); il ricorso alla mediazione di una matrice per derivare l'immagine (il timbro; lo spruzzo attraverso la sagoma di una maschera; il ricalco; il rullo); l'impiego di mezzi fotografici secondo esigenze diverse; il riferimento semantico alla serialità e ai vari procedimenti di tecnica indiretta, come strumento della comunicazione inter-soggettiva dell'esperienza (e della condizione) artistica.

Se questo è vero, allora è vero anche che la mediazione calcografica, tanto nella sua accezione tecnica che in quella metaforica, può costituire un punto di vista critico con cui traversare la produzione di Mambor. E’ d'altronde il punto di vista imposto dall'identità stessa della Calcografia, delle sue collezioni e dai contenuti storico artistici ad essi connessi. Sono indizi sufficientemente consistenti e significativi per trarne la fiducia che questo fosse il movente critico di Federica Di Castro e che su questa base noi, i suoi compagni di lavoro, e la sua istituzione, si possa dare realtà al suo progetto, e ricordarla così, ad un anno dalla sua scomparsa. Questa mostra ‚ tagliata, attraverso l'opera di Mambor, dall'orientamento, dalle scelte e dalle focalizzazioni indotte dalla Calcografia stessa, per propria identità storica.

Dall'imposizione (non dall'impostura) della propria identità storica, la Calcografia a sua volta riceve, dal confronto con Mambor, conseguenze che oggi, alla vigilia dell'apertura della mostra, ci sono ancora ignote. Ma la mostra, ogni mostra, è un lavoro, non nella sua preparazione -questo è ovvio-, ma nello svolgimento della sua durata: dal bilancio di quello che sarà avvenuto, e potranno essere solamente avvenimenti di trasformazione di definizioni storiografiche, potremo valutare se la nostra istituzione conserva un'identità valida per comprendere anche fenomeni dell'arte risalenti agli ultimi cinquant'anni, e quindi in transizione tra attualità e definizione storica, e per imprimere un segno della propria collocazione museale a quegli stessi fenomeni. In alcun caso la Calcografia può essere considerata una sede neutra. La sua identità museale si impone come un termine di confronto ad ogni elaborazione culturale si operi al suo interno. E' necessario riconoscere che, quando il Museo, luogo di storia ed istituzione, interviene sull'arte contemporanea, la sua partecipazione non può che essere 'pesante',aggiungendosi, a modo proprio, alle altre fondamentali 'pesantezze' sull'arte contemporanea esercitate dai suoi protagonisti, gli artisti stessi, ed anche dalla critica eventualmente, quella che, al momento, eserciti un funzione "di punta".

E' la partecipazione attiva che determina il fluire delle cose. Anche il Museo, di per sè, sarebbe parte attiva, e l'esercita attraverso l'imposizione delle proprie condizioni. Le 'condizioni' non sono un vincolo, sono un'identità culturale, che può determinare un orientamento determinato e, più o meno convenzionalmente, obbligato. E' quello che definiamo 'metodo', perché‚ nelle discipline storiografiche si chiama così e perché‚ il Museo è l'effetto di una disciplina storiografica: la storia dell'arte. Il Museo esiste, in Italia, inquanto esiste la Storia dell'Arte. Se non si trova in questo contesto, allora è un'altra cosa: collezione come rappresentazione o autorappresentazione, con tutte le forme derivanti. Non vale la pena di descriverle perché‚ non è il caso del Museo, pubblico ed istituzionale, italiano: da cento anni il museo italiano è storia dell'arte. E siccome le identità sono tali solo se vengono costantemente confermate, ecco: le riconfermiamo anche ora, per rendere esplicito il carattere del luogo e le sue conseguenze sulle particolarità dell'itinerario che produce questa volta, attraverso l'opera di Mambor.

Il Museo in questo caso é l'Istituto Nazionale per la Grafica, con le sue due componenti storiche, il Gabinetto Stampe e la Calcografia.

Il confronto con Mambor si tiene alla Calcografia perché, nell'Istituto Nazionale per la Grafica, é questo il luogo storicamente deputato all'esperimento e all'indagine sul contemporaneo (dove si intende: sull'attualità dei linguaggi). Le 'condizioni' sono quelle che, per propria intrinseca forza critica, hanno dettato i temi di questa mostra. Le condizioni imposte dal luogo sono l'implicito confronto, almeno metodologico (questo imponiamo noi; diversa, ed originale ed incomparabilmente più complessa, è la risposta che può provenirne dall'artista) con la globalità delle collezioni dell'Istituto (dal disegno antico al moderno, dalla stampa antica alla moderna) e con i problemi storico artistici conseguenti: l'itinerario tra il disegno preparatorio e l'immagine finale, dunque le connessioni interne al percorso formativo dell'immagine; le molteplici tecniche della calcografia; le problematiche della riproduzione fino alla fotografia. Ribadire ciò che è ovvio può essere necessario perchè le parole sono, come si sa, molto stanche e se uno dice 'condizione', nell'accezione comune la parola può apparire debole e, se pronunciata da un'istituzione, può sembrare esprimere 'vincolo', come a dire: impossibilità.

Ribadire il significato serve ad affermare esplicitamente ciò che nella storia dell'arte si esercita comunemente, secondo cui la 'condizione' risulta un'identità assolutamente attiva, la regola che consente la libertà, e l'unica che legittima il lavoro sul contemporaneo del Museo storico, giacchè sono altri, per tipologia, i luoghi pi- leggeri e complici che possono garantire più agilmente la funzione della 'presentazione' dei fenomeni artistici dell'attualità.

Le condizioni, possono anche precisarsi in cose molto pratiche e spesso esteriori, e apparentemente insignificanti. Sono anche vincoli quantitativi, dimensionali, tecnici. L'immagine potrà anche, nella sua libera fenomenologia, confondere le tecniche stabilite, sconfinare, emanciparsi dall'oggetto, disperdersi nello spazio e nell'immaterialità.

Questo museo, per propria identità, conserva e raccoglie opere, ed opere di categorie tecniche definite, e ne tratta gli effetti ed i problemi connessi. Quando interviene, non può farlo che con i propri caratteri ed imponendone le conseguenti condizioni. Per propria identità, la Calcografia impone un'attenzione alla tecnica, ed in particolare alla comparazione tra i vari modi grafici e calcografici. Allora, questo vincolo diviene una condizione particolarissima e non priva di interesse se applicata ad un'esperienza neo

avanguardistica, come quella di Mambor, che passa attraverso la fase del rifiuto della tecnica. D'altronde si tratta di una questione capitale della storiografia contemporanea: moderno ed avanguardia si affermano rovesciando la tecnica costituita ed indagando il territorio dell'anti tecnica, dal quale presto si stabiliscono tecniche alternative, per essere riconosciute a distanza di tempo come fenomenologie di evoluzione della Tecnica. L'azzeramento pittorico delle neo avanguardie degli anni Sessanta, contro la 'tecnica' dell'informale, così come l'astrazione dalla tecnica manuale da parte del Concettuale, sono oggi riconoscibili come tecniche relative e specifiche, benchè nella loro intenzionale indistinguibilità dall'invenzione e dall'enunciazione dell'idea). Ma, a fronte del caso -effettivo- del passaggio dell'immagine dal significare lo spazio all'essere lo spazio, la Calcografia non può che seguitare ad imporre all'immagine il sistema chiuso delle definizioni categoriali costituenti la sua identità, dall'esito più lato a quello più pratico della conservazione di una condizione di materia e formato (ad esempio: non troppo grande, come i disegni e le stampe e le fotografie tradizionali, che in genere non sono troppo grandi e rispetto a cui i grandi formati dei cartoni o delle stampe montate ad unicum, sono delle eccezioni previste ed accettabili). Questioni di minuta conduzione museale? Non credo esistano, nel Museo, molte questioni che non rinviino ad un problema della storia dell'arte, con conseguenze sulla fenomenologia dell'attualità. La Calcografia, storicamente dedita alla sperimentazione linguistica dell'attualità, non si adatta; impone, con "pesantezza", la propria identità conservatrice. Rispetto alle molte mostre di Mambor, tutte mostre di presentazione di fasi del suo lavoro, quindi mostre di verifica personale, di confronto, mostre complici, se si vuole, dei contenuti proposti, questa è radicalmente diversa e, per via dell'interlocutore museale, è piuttosto uno scontro. Una mostra guidata da un tema: quello dello scontro con la condizione convenzionale, come dire "Mambor alla Calcografia", dove l'istituzione conservatrice esercita una provocazione dialettica, essenziale, perchè le proprie definizioni di opera e di tecnica non perdano il contatto con la storia e proseguano a detenere significato. Il catalogo esprime questo taglio: per percorrerlo, comprenderlo e meditarlo, propone di seguito un itinerario tra le voci critiche, ed autocritiche, che hanno accompagnato, dal Sessanta ad Oggi l'opera di Mambor.