ARDITO DESIO:
LA SUA AVVENTURA IN TRE LIBRI

VENERDÌ 10 NOVEMBRE 2006, ORE 17,30

 
Saranno presentati tre volumi di Ardito Desio (Palmanova (UD) 1897 - Roma 2001) geografo, geologo, scienziato e scrittore, noto principalmente per l’impresa che portò gli italiani per la prima volta alla conquista del K2 nel 1954, quando ideò, progettò e diresse la spedizione sulla seconda vetta al mondo per altezza, che divenne, con, lui, “la montagna degli italiani”.
Si tratta di volumi autobiografici particolarmente significativi che ci aiutano a comprendere la poliedrica personalita’ di questo scienziato-esploratore nato nell’800 e scomparso nel 2000 e per ricordare alcune importanti tappe del progresso scientifico nel nostro Paese e il suo importante contributo alla conoscenza delle risorse naturali di questo grande territorio.
Nella sala dell’incontro saranno inoltre esposte alcune fotografie e mappe originali che mostrano gli studi e le scoperte effettuate durante la sua vita centenaria.

L’iniziativa, promossa dall’Associazione “Ardito Desio” (referente Maria Emanuela Desio) in collaborazione con l’Istituto Nazionale per la Grafica, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, (referente Giovanna Pasquariello) sarà introdotta da Francesco Pisenti (Socio fondatore dell’Associazione “Ardito Desio”) e da Serenita Papaldo (Direttore dell’Istituto Nazionale per la Grafica).

Interverranno:
Prof. Maria Bianca Cita Sironi – Dip. di Scienze della Terra “Ardito Desio” – Università degli Studi di Milano
Prof. Giorgio Pasquarè - Dip. Scienze della Terra “Ardito Desio” – Università degli Studi di Milano
Prof. Alberto Prestininzi – Centro di Ricerca CE.RI – Sapienza Università di Roma
Prof. Matteo Pizzigallo – Dip. Scienze dello Stato – Università di Napoli “Federico II”
Prof. Piero Manetti – Dip. Scienze della Terra - Università di Firenze

CENNI BIOGRAFICI DELL’AUTORE

Ardito Desio è stato esploratore, scienziato, giornalista e tanto altro, ed ha vissuto in prima persona la storia d’Italia attraverso tre secoli e due millenni.
Professore all’Università e al Politecnico di Milano, fu padre fondatore del primo Dipartimento di Scienze Geologiche a Milano e dell’Ordine Nazionale dei Geologi.
Al servizio dello Stato, si è prodigato per la realizzazione di grandi opere pubbliche come dighe, strade, ponti e negli interventi di protezione civile come nei tristi fatti del Vajont e del terremoto del Friuli del 1976.
Fu fautore di una scuola di pensiero forte e viva attraverso l’opera dei propri discepoli, molti dei quali sono diventati a loro volta professori presso il Dipartimento di Scienze della Terra (da lui fondato e che da aprile del 2004 porta il suo nome) dell’Università di Milano.
Le sue numerose spedizioni scientifiche in Africa ed Asia hanno fornito importanti informazioni sulle risorse naturali dei Paesi visitati; tra queste ricordiamo l’individuazione e mappatura dei siti da cui fu poi estratto il primo petrolio in Libia, gli studi sulla regressione dei ghiacciai alpini o sulle dinamiche di avanzamento di grandi masse nevose in Pakistan, l’individuazione dei luoghi più idonei per la costruzione di dighe in Italia, Grecia, Birmania ecc.


Presentazione libri

I libri scritti da Ardito Desio, contengono numerose immagini fotografiche, riproduzioni di disegni appartenenti all’Archivio Storico dell’Associazione “Ardito Desio”, non sono solo una sorta di diario di bordo dello scienziato- esploratore, ma raccontano alcune vicende della società italiana del XX secolo.


SULLE VIE DELLA SETE, DEI GHIACCI E DELL’ORO
Ugo Mursia Editore S.p.A.- Milano, (pp. 432, euro 29 - ISBN 88-425-3439-0)

Introdotto da Maria Emanuela Desio, è un libro autobiografico, corredato da una rassegna fotografica. Con uno stile personale e con un linguaggio coinvolgente Desio narra l’esperienza di scienziato, esploratore e ricercatore attraverso oltre 15 esplorazioni e spedizioni scientifiche extraeuropee in Asia (Iran, Afghanistan,Pakistan,Birmania ecc.) e in Africa (Libia, Etiopia) che permisero di conoscere luoghi inesplorati attraverso studi e ricerche che spaziarono in varie discipline (antropologia, botanica, zoologia, paletnologia, ecc.).

   

LE VIE DELLA SETE (Frammenti di vita sahariana)
edito da Polaris, Faenza , (pp. 300, euro 23- ISBN 88-6059-005-1)

Introdotto da Maria Emanuela Desio, racconta le scorribande di Desio nel Sahara libico. Sulla base di dettagliati studi geologici effettuati ed una acuta intuizione, nel 1937-38 ha dato un contributo personale al progresso, portando alla scoperta e poi allo sfruttamento di grandi quantità di acqua, giacimenti di petrolio e di sali potassici. Arricchiscono il volume fotografie e disegni di luoghi e paesaggi sahariani.

   

IL SAHARA ITALIANO - IL TIBESTI NORD ORIENTALE
Casa Editrice Università La Sapienza di Roma, (pp. 220, euro 18 - ISBN 978-88-87242-83-6).

L’introduzione e la pubblicazione sono state curate dal Prof. Alberto Prestininzi, il quale ne ha supportato con il Centro di Ricerca CE.RI (Sapienza – Università di Roma) la pubblicazione. Il libro raccoglie una serie di informazioni geologiche sul Tibesti uno dei più importanti massicci vulcanici del Sahara che, per la sua posizione geografica, ancora oggi resta di difficile accesso trovandosi al confine tra Libia e Tchad, circondato da un deserto assoluto e inospitale. Nel libro, oltre a descrizioni strettamente geo-morfologiche dei luoghi, troviamo importanti informazioni sul popolo dei Tebu e sui siti di arte rupestre che ne caratterizzano l’area.

   
Per ulteriori informazioni:

Associazione Ardito Desio

Maria Emanuela Desio
Tel. 06 6792897 – 348 3360936
Sito Internet: www.arditodesio.it
Istituto Nazionale per la Grafica Giovanna Pasquariello
Tel: 06 69980307-06 69980242
Sito internet: www.grafica.arti.beniculturali.it/home.htm
 

HOME