PIETRO DA CORTONA E IL DISEGNO
Roma, 30 ottobre 1997 - 10 febbraio 1998


Vai al piano espositivo della mostra in corso

Istituto Nazionale per la Grafica e l'Accademia Nazionale di San Luca promuovono un'esposizione dedicata all'attività grafica di Pietro da Cortona, in occasione della ricorrenza del centenario della nascita del pittore, avvenuta nel 1597. La mostra attraverso una selezione di disegni del maestro, si pone come complemento necessario ed indispensabile all'esposizione dedicata ai dipinti, promossa dalla Soprintendenza per i Beni Artistici e Storici e dal Comune di Roma, per celebrare questa figura capitale del barocco romano ed europeo.

Pietro da Cortona, principe dell'Accademia di San Luca dal 1634 al 1636, fu autore e finanziatore della chiesa di SS. Luca e Martina, di proprietà dell'Accademia, ove dispose di essere sepolto. Un ricco monumento funebre, voluto dai suoi allievi, si trova nella cripta di S. Martina, il cui legale depositario è il Conservatorio di S. Eufemia.

L’applicazione al disegno fu uno degli aspetti fondamentali e costanti dell'attività dell'artista, sia nella fase sperimentale giovanile volta alla riscoperta e allo studio dell'antico, sia nella fase tarda come strumento indispensabile della progettazione di grandi opere decorative, spesso negli ultimi anni affidata alla collaborazione di allievi, secondo una costante ricorrente nelle varie scuole pittoriche italiane sin dal Cinquecento. La sua origine toscana lo portò a considerare sempre il disegno come momento di verifica di ogni esperienza culturale e di ogni svolta figurativa, anche se il suo stile grafico si rese ben presto indipendente rispetto alle tendenze professate dai suoi primi maestri fiorentini Andrea Commodi, Baccio Ciarpi e Ludovico Cigoli. I disegni, provenienti dalle più importanti collezioni italiane e straniere, consentiranno di seguire lo svolgimento dell'attività dell'artista a cominciare dalla fase di entusiasmo classicistico degli anni '20, influenzata dalle tendenze della corte Barberini e dalla presenza di Cassiano dal Pozzo, per passare alla progettazione per Palazzo Mattei e per S. Bibiana e, quindi, con l'inizio del grande momento decorativo, ai pochi e rari progetti per la sua prima opera veramente barocca, ossia la decorazione del Salone di Palazzo Barberini. Faranno parte dell'esposizione anche i grandi cartoni preparatori degli arazzi Barberini, databili agli anni '30, che documentano una delle imprese più significative avviate a Roma dall'artista, ed un cospicuo numero di importanti incisioni, preziose per una lettura approfondita della produzione grafica.

Il nucleo principale dell'esposizione è costituito dal Taccuino con oltre 100 schizzi del Cortona e di Ciro Ferri, recente e prestigiosissima acquisizione dell'Istituto, proveniente dalla celebre collezione di Livio Odescalchi - e quindi molto probabilmente da Cristina di Svezia - pubblicato dal Vitzthum nel 1967 quando era ancora in collezione privata, ma esposto ora per la prima volta.

Una sezione, incentrata sui disegni provenienti dal Taccuino Odescalchi, sarà dedicata alla decorazione di Palazzo Pitti a Firenze, la massima impresa di Pietro da Cortona fuori dalla città pontificia.

Il catalogo, edito dall'Electa, con saggi di vari studiosi, è a cura di Simonetta Prosperi Valenti Rodinò, professore di Storia dell'Arte dell'Università della Tuscia di Viterbo e già funzionario dell'Istituto Nazionale per la Grafica, nota esperta del disegno romano e toscano del Seicento; commissario della mostra è Mario Gori Sassoli.

L’allestimento è a cura di Enrico Valeriani.

L’esposizione si articolerà nelle sedi contigue dell'Accademia di San Luca e della Calcografia in un unico percorso espositivo.

La mostra è realizzata con la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Verona Vicenza Belluno e Ancona.
Per i servizi volti alla fruizione e alla promozione, la manifestazione si avvale della collaborazione della
Associazione Civita.

Il sito internet
Pietro da Cortona. L'evento e le Mostre è stato realizzato e sponsorizzato da INFOGROUP.
Il sito internet
Pietro da Cortona è stato realizzato da TELECOM ITALIA.

Per ulteriori informazioni, contattare:

Relazioni Esterne:
  Giulia De Marchi  
Ufficio Stampa: Istituto Nazionale per la Grafica
Accademia Nazionale di San Luca
Marcella Ghio
Isabella Fiorentino
06.69980238
06.6790324

ORARI:

Tutti i giorni:
10.00-19.00
24, 31 dicembre 1997:
10.00-14.00
25-26 dicembre 1997, 1 gennaio 1998:
chiuso

Catalogo in mostra.

BIGLIETTI:
intero L. 6.000;
ridotto L. 4.000 visitatori in possesso del biglietto della mostra di Palazzo Venezia, Cral,
gruppi organizzati (min. 20 persone), anziani oltre i 65 anni. ridotto L. 3. 000 per ragazzi 8-18 anni, militari in divisa, studenti universitari nei giorni feriali;
Gratuità: portatori di handicap, accompagnatori dei portatori di handicap,
accompagnatori per gruppi, giornalisti accreditati.